Viaggi fuori dai paraggi: Vinci (e anche Empoli, provincia di Firenze)

Torno da una breve sosta in quel di Sovigliana, frazione della famosa Vinci che ha dato i natali a un certo Leonardo.

Il comune di Vinci è attaccato a Empoli, che sta giusto in mezzo tra Pisa e Firenze. Sicchè oltre alla scorpacciata di tagliata al sangue e cantucci, – e alla contemplazione del tipico paesaggio toscano attraversato dall’Arno – ci è toccato in sorte un breve giro turistico del centro storico di Empoli.

Più precisamente, il ‘giro d’Empoli è la passeggiata cittadina, il luogo degli incontri, dei saluti e degli acquisti, quella che in altre tradizioni è la “vasca” o “struscio”. Si percorre uscendo dalla piazza Farinata degli Uberti dalla parte del canto Pretorio, poi, girando sempre a sinistra, si prosegue per un tratto di via Giuseppe del Papa, poi di via Ridolfi, poi di via del Giglio e infine, dopo la quarta svolta a sinistra, siamo nuovamente in piazza Farinata. Originariamente gli uomini percorrevano il giro nel senso descritto sopra, mentre le donne lo percorrevano in senso inverso, facendo in modo che così sia gli uomini che le donne potevano vedere la persona amata o che interessava per ben due volte ogni giro. Questa pratica non è più in uso da molti anni, però il “giro d’Empoli” è rimasto comunque il punto principale d’incontro della città’.

piazza_empoli

La piazza Farinata degli Uberti è la piazza storica della città, ‘dominata dalla facciata della Collegiata di S. Andrea, che si erge al culmine di una ampia gradinata. Tutt’intorno gli altri palazzi, molto antichi anch’essi, circondano la piazza con un porticato, fatto abbastanza insolito nelle città o nelle piazze toscane’.

Più informazioni su wikipedia e sui siti del comune di Empoli e Vinci (il portale di Vinci è fatto molto meglio di quello di Empoli, nonostante i 46.000 abitanti contro 14.000: misteri delle amministrazioni di sinistra).

++ Empoli (wikipedia sito ufficiale) ++
++ Vinci (wikipedia sito ufficiale) ++

arno_empoli

chiesa_empoli

bici_empoli