Che si mangia a Roma? Locali nuovi a Monti

A Monti è tutto un fiorire di nuove aperture. Segnalazione per #fratellocuoco.

Introduco brevemente e uno alla volta i personaggi che popoleranno questo blog. Esistono solo nella mia testa. O forse no.

Cominciamo da #fratellocuoco. “Fratello Cuoco” – ma lo chiameremo sempre e solo #fratellocuoco tuttoattaccatoeconhashtagchenonserveaniente –  è un giovine “skef” creativo che reinterpreta in chiave moderna i piatti della tradizione (che frase originale, proprio un concentrato di creatività). Figura mitologica, per metà contadino, per metà guru new age e per metà cuoco (in quanto essere mitologico può avere tre metà) vive un po’ nei campi, un po’ in cucina e molto in giro. A lui racconteremo quel che succede nel mondo della ristorazione. Anche se già lo sa.

Cominciamo col sintetizzare alcune novità della magica – a Roma si dice “magggica” – movida capitolina che possono servire come spunto per (non) inserire determinati piatti in un ipotetico menu di un ipotetico ristorante di una ipotetica città del sud dove ipoteticamente #fratellocuoco potrebbe lavorare a breve.

Cucina napoletana a Roma: le nuove aperture a Monti

Insomma, si sa che la cucina napoletana ha un certo fascino sia che si concretizzi nel ragù domenicale di mammà (nel nostro caso #mammabionica ma non anticipiamo gli altri personaggi…) sia che venga declinata in creative e scenografiche varianti da baldanzosi – a Napoli si dice “chiatti”- chef col tatuaggio di Maradona sul braccio.

Roma, con la pantagruelica generosità che le è propria – a Napoli si chiama “strafottenza” – ama tantissimo le cucine del sud: sud Italia, sud del mondo. Del sud in generale. Soprattutto la cucina napoletana. Lo dice anche la sindaca: “è bella, bella, bellissima”. Tutta questa bellezza culinaria si concentra nello storico quartiere Monti, il rione più alla moda che ci sia. Anche troppo, a parere di chi scrive. A Monti c’è un tripudio di specialità campane declinate in modo monotematico – a Napoli direbbero “appallante” -. Esaminiamo nel dettaglio le qualità dei locali che hanno aperto da poco.

Ce stamo a pensa’: bravi, continuate a pensacce

Ce stamo a pensa’ fa i fritti classici: pizzette, calzoncini ripieni, timballini di pasta. Devono aver preso sul serio i diminutivi perché le porzioni non sono affatto abbondanti. I prezzi invece sì. Questo è il principale difetto della stragande maggioranza dei locali monticiani: siccome il quartiere è diventato un posto “trendy” ti fanno pagare tutto al triplo del prezzo “giusto”. A Napoli il cibo di strada ancora non si chiama “street food”, non se la tira (ovviamente ci sono le eccezioni) e non viene venduto in gioielleria. Provato una volta, non credo che tornerò.

Boccacciello: in attesa di giudizio

Da Boccacciello mettono tutto in barattoli di vetro. A Napoli barattolo si dice “buccaccio” ma è accreditata anche la versione derivante dal francese boite , “buatta”. Ovviamente ci sta la parmigiana, il gattò – a Parigi gateaux -, le verdure, i dolci. E quindi? Non saprei. La vendono come l’idea del secolo e tutto questo marketing culinario un po’ (ma giusto un po’, eh…) ha stufato. Non l’ho ancora provato ma supererò il fastidio per dare un giudizio di merito.

Pizza Trieste: la pizza che non t’aspetti

Pizza Trieste a dispetto del nome non è napoletana nè nordica. I proprietari sono di quella regione del centro Italia sia singolare che plurale: Abruzzo/Abruzzi. E vabbè, la nota di geografia l’abbiamo fatta. La pizza la cuociono in un pentolino, in forno (elettrico). L’impasto non è male: farina bianca, ben lievitata, soffice il giusto. Per me già che non abbia la consistenza di un cracker, come tutte le pizze romane, è un grande risultato: promossa a pieni voti.

Sul giudizio positivo influisce che avevano appena messo su un cd di Lucio Dalla. Nota divertente (di colore, si diceva una volta): il locale è diviso in due ambienti che non comunicano tra loro quindi si fa l’ordine al banco e poi ti portano la pizza ai tavolini uscendo sulla strada. Sarà interessante vedere che si inventeranno per evitare che ci finisca dentro l’acqua piovana ora che inizia l’autunno. Prezzi giusti, considerata la zona e la  qualità delle materie prime (una margherita a 2,20 euro). Ci tornerò.

Madre: “cazzimma” allo stato puro

Madre ovvero “non date mai carta bianca a un napoletano”. Questo deve essere un posto meraviglioso perché l’abbinamento cucina peruviana/cucina napoletana è un’operazione che può riuscire solo a un napoletano infinitamente dotato di cazzimma. A Napoli con “cazzimma” si identifica un tipo senza scrupoli, qualcuno disposto a usare ogni mezzo per il proprio tornaconto personale. Ma, accanto a quest’accezione totalmente negativa, può indicare anche chi è così sfrontato e tanto guascone da risultare inarrestabile e irrimediabilmente simpatico. A questi ragazzi non deve difettare nemmeno l’ironia perché ce ne vuole proprio tanta per mettere nello stesso menu la ceviche e la pizza.

Segnalazione per #fratellocuoco: la combinazione Napoli-Perù offre spunti interessanti per Ghepardo e non solo. Da provare quanto prima per verificare se i prezzi sono giustificati da capacità tecniche e materie prime oltre che dalla posizione centrale ma abbastanza lontano dalle viuzze più pretenziose di Monti. Una marinara a 14 euro genera tante aspettative. Vi farò sapere se non andranno deluse.

madre_roma_ceviche

madre_roma_pizza