humus natura di chef presentazione

In questi giorni diverse declinazioni del numero tre (ammesso che i numeri si possano declinare…) richiamano in continuazione la mia attenzione. Sarà un caso?

Il nuovo trio della musica italiana: Fabi, Silvestri, Gazzè

In musica, il trio composto da Niccolò Fabi, Daniele Silvestri e Max Gazzè mi ha accompagnato in chiusura d’anno con due concerti. Uno a Napoli e l’altro in metro a Roma, improvvisato e ancor più gradito del primo. A inizio anno li ho visti non più dal vivo ma in video su rai3 (rieccolo!) protagonisti del bel documentario LocalEuropa – Musica valida per l’espatrio con le riprese della tournée europea de Il padrone della festa e le testimonianze degli italiani all’estero incontrati dai tre musicisti durante il tour, molti dei quali ovviamente ex Erasmus (quando si dice “corsi e ricorsi storici”…).

La trilogia “I nostri antenati” di Italo Calvino

In prosa, mi è capitato tra le mani dopo anni Il visconte dimezzato, prima parte della trilogia I nostri antenati di Calvino con Il cavaliere inesistente e Il barone rampante. Il visconte protagonista del romanzo viene diviso a metà da una palla di cannone durante una battaglia. Il visconte dimezzato rappresenta il bene e il male che c’è in ognuno di noi, l’incompletezza dell’uomo che realizza una parte di sè e non l’altra.

Il ricomincio da tre di Troisi

In poesia, perché se si tratta di Troisi mi pare questo il termine più adatto, mi è tornato in mente Ricomincio da tre in occasione dell’uscita nelle sale dell’ultimo film di Siani, credo per compensazione (con tutto l’affetto – che pure abbiamo – per Siani) o per la motivazione inoppugnabile che dovrebbe guidare la scelta del nome di qualsiasi nascituro e non solo del famoso Ugo/Massimiliano.

I tre di Humus – Natura di Chef in cucina

Ed è sulla scia di questa continua attualizzazione della trinità che presento l’ultimo progetto di cui faccio parte Humus – Natura di Chef. Anche qui siamo debitori del numero tre in più di un senso. Dapprima perché siamo in tre: c’è mio fratello Fiore, cuoco provetto. Francesca super-esperta di cosmesi naturale e non solo. E, infine, ci sono io con le mie solite passioni culinarie. Poi perché tre sono le direzioni in cui ci muoviamo: educazione alimentare, sostenibilità e recupero del territorio con le sue tradizioni. E tre sono i luoghi fisici dove si può materialmente partecipare alle attività di Humus: la sede di Cava de’ Tirreni, a pochi chilometri dalla Costiera amalfitana con la scuola di cucina e lo spazio sociale; l’orto-laboratorio in campagna, sempre a Cava e Roma, dove faccio base in questo periodo (anche se non mancano incursioni/escursioni nel resto della penisola).

humus natura di chef

Un pensiero uno e trino

Tutto questo rimuginare sul “3” mi pare un esercizio utile per riflettere, partendo dai tre esempi sopra citati, sulla scelta dei compagni di viaggio, sulle opportunità di moltiplicare punti di vista e riflessioni, sulla necessità di armonizzare timbri diversi e sui vantaggi insiti nel condividere le responsabilità dell’età adulta senza perdere in meraviglia e divertimento.

ode al vegano tu mi tuberi

.Non sono stata folgorata (almeno non del tutto) sulla via di Damasco di nostra signora delle Verzure ma sono un’adepta saltuaria della religione vegana. Non posso, però, non notare un progressivo imbarbarimento del senso civico (o una leggera flessione del senso sociale, come direbbe Gazzè) unito a un ostile accanimento in chi si ingegna per trasformare una legittima scelta alimentare in una religione, finendo col dividere come al solito NOI (i buoni) dagli ALTRI (i diversamente vegani ovvero i nuovi mostri) cercando di fare proselitismo in ogni luogo, in ogni lago e non mi ricordo più la canzone che ovviamente non è di Gazzè…

Sicché avendo addirittura sognato una specie di dibattito fra le due opposte fazioni – vegani e non -, sotto forma di rap atipico o canzonetta sincopata, mi appello al mio consueto spirito del tubero nell’augurarvi lieti sogni pieni di ogni tipo di leccornia che più vi aggrada.

Ode al vegano o rap anticircadiano o tu mi tuberi

Io sono sensibile, ho sviluppato il mio lato umano
ho più rispetto per le mucche che per un campo di grano.
S
offro anche quando vedo un vegetariano
sono integralista nel profondo
mi batte solo il fruttariano.

Però… però…
tutto il mio senso civico si concentra nel piatto.
S
gaso con il SUV con lo stereo a palla come un qualsiasi coatto.
I
nsulto i carnivori su facebook da uno smartphone di ultima generazione fabbricato non so dove e non mi interessa a quali condizioni.
M
angio formaggi e derivati in forma di insulse imitazioni.
M
i beo di coltivazioni bio magnificandone la supremazia chimica senza conoscere nemmeno la molecola di H2O.
V
edo un complotto demo-pluto-giudaico anche nel consorzio del crudo di Parma.
M
i appello a un originario veganesimo parasillogistico ed evoluzionistico:
se discendiamo dalle scimmie non dobbiamo mangiare carneeeeee!!!
(Sì, però dovremmo vivere nudi sugli alberi senza elettricità e acqua correnteeeee!!!).

Non so come fate a non impressionarvi davanti alla carneficina quotidiana di povere bestie.
Quando io passo indifferente tra barboni, poveri e malati di mente.
N
on riconosco dignità ai vegetali ma solo ai mammiferi che mi somigliano di più.
Ee non mi accusate di antropocentrismo per carità.
I
o non seguo una moda ma sono vegano fin dal concepimento e filtravo quello che mangiava mia madre facendo nodi al cordone ombelicale.

Se scopro che al bar mi hanno macchiato il caffè col latte vaccino sono capace di farmi venire una crisi epilettica e ovviamente denuncio il titolare per attentato ai miei diritti costituzionali.
S
e chi raccoglie la frutta e verdura che mangio è un immigrato trattato come una bestia non mi pongo il problema in quanto non trattasi di maltrattamenti di animali ma di umani.
D
a quando non mangio carne sono in pace con il mondo e in guerra solo con una percentuale maggioritaria di vegetariani, carnivori e onnivori!

ode al vegano tuberi

A grande richiesta la ricetta della “pasta alla Carmen”, che mi ha fatto vincere la prima tappa del tour Casa Barilla 2011, domenica 2 ottobre a Salerno.

Rientrata all’Elba dopo la solita lunga e tortuosa traversata per terra e per mare, rigenerata da un tonificante bagno nelle cristalline – seppur freddine – acque dell’isola, svelo la ricetta, inventata al momento in base agli ingredienti messi a disposizione dagli chef dell’Academia Barilla, ispirata dalla cuginetta di 18 mesi tutta intenta a esplorare lo stand della Barilla – soprattutto l’area dedicata ai Piccolini – mentre noi impavidi blogger ci sfidavamo a colpi di basilico e pasta. Ne approfitto per salutare i “colleghi” di blog Claudia, Fabio e Anna Luisa.

Ecco la ricetta:

Pasta alla Carmen

Ingredienti: scalogno, olive, pomodorini, pancetta, pecorino, basilico, peperoncino, tortiglioni.

Cuocere con poco olio la pancetta a fettine finché diventa croccante. Tenerla da parte. Friggere nell’olio della pancetta lo scalogno, aggiungere le olive e dopo qualche minuto i pomodorini. Regolare di sale e pepe. In un’altra padella cuocere il pecorino grattugiato fino a formare delle scaglie croccanti.

Scolare la pasta al dente, far saltare con il sugo e servire guarnendo la pasta con la pancetta croccante, il formaggio, basilico e peperoncino.

Ringrazio tutto lo staff Barilla: gli chef che mi hanno amorevolmente assistito controllando fuochi e tempi di cottura –“Fiore’ che la scoliamo la pasta?”, il fotografo, il presentatore, le ragazze dell’ufficio stampa e tutto il personale che ha lavorato domenica per regalare ai salernitani una giornata di festa, all’insegna della buona cucina e nonostante i 40 gradi all’ombra!

E, mi raccomando, ci vediamo a Roma per la finale!

casa barilla salerno pasta alla carmen

La maggior parte delle persone che conosco ha un lavoro normale (per il quale si fa pagare) e non viene assalito da un misto di preoccupazione e orgoglio quando deve rispondere alla fatidica domanda: “Che lavoro fai?”. Per anni la mia risposta è stata: “Faccio siti web”, declinata in tante varianti diverse a seconda dell’età e delle conoscenze tecnologiche dell’interlocutore: “realizzo siti web, mi occupo di siti internet, gestisco la presenza di una società in rete, sono una web master, web designer, web writer” e via webbando.

Quando tutto ebbe inizio (quasi quasi faccio la web master)

Tutto cominciò qualche anno prima di laurearmi in Scienze della comunicazione. Ho sempre avuto un certo interesse per le nuove tecnologie, e un’ampia conoscenza del web è uno dei pochi vantaggi di noi “giovani” nativi digitali. La curiosità mi ha spinto a scrivere contenuti per il web fin dal 2001, mi ha portato poi a costruire i primi siti web e, quando mi sono laureata, il passatempo universitario si è gradualmente trasformato in professione. Saranno 10 anni che mi occupo di siti web. Ma la rete è una giungla, si sa. E quando il gioco si fa duro i non duri si tirano fuori dalla mischia.

La concorrenza è diventata ben presto agguerritissima: dalle agenzie di comunicazione spuntate ovunque al giovanotto fresco di studi che lavora (quasi) gratis. Tante persone ad offrire un servizio relativamente nuovo, spesso percepito come non necessario e, di conseguenza, pagato poco. Il mercato si è ben presto saturato e molti professionisti hanno tirato i remi in barca.

Domani smetto

Anch’io, dopo 10 anni di (dis)onorata carriera, alcuni mesi fa ho gettato la spugna e ho ufficialmente smesso di “realizzare siti web”. Non l’avessi mai fatto! Da allora sono piena di richieste da parte di clienti che non ho cercato, che stranamente non mi chiedono di fare cose assurde (“Ci mettiamo l’animazione all’inizio? E un po’ di fucsia?”) e addirittura mi pagano senza batter ciglio. Stupore! E’ una specie di legge del contrappasso o una legge di Murphy riveduta e corretta.

Dopo ripetuti ripensamenti su questo curioso fenomeno, credo di essere riuscita a capire cosa è successo. Innanzitutto è cambiato il cliente: diciamo che si è evoluto proprio come il web. Ovviamente sono cambiata anch’io. Esaminiamo prima come stanno le cose dal punto di vista del cliente.

come realizzare siti web e vivere felici

Il cliente 2.0

La seconda volta del cliente

Tutti i miei attuali clienti hanno già un sito, alcune volte fatto in casa con frontpage (ahi! ahi!), altre volte costruito da professionisti non più sul mercato (è la crisi, bellezza). Nella maggior parte dei casi il sito è stato realizzato seguendo la classica impostazione: Home page molto “grafica”, di solito con una bella animazione; pagina che descrive i prodotti/servizi dell’azienda; pagina per i contatti con ben in evidenza la mappa per raggiungere la sede della società. Testi molto stringati, aggiornamenti inesistenti, interazione con gli utenti pari a zero.

Quando si rivolgono a me, ad anni di distanza dalla realizzazione del loro primo sito, i clienti, pur non sapendo ancora quello che vogliono, sanno esattamente cosa non vogliono: il classico sito statico, un bigliettino da visita trasferito sul web.

La seconda generazione al comando

La mutata attenzione nei confronti della rete è dovuta ad un insieme di fattori: primo fra tutti la presenza in molte aziende di nuove leve che stanno prendendo il posto della vecchia generazione. I giovani adulti di 30/40 anni sono più tecnologici dei loro padri, conoscono meglio le dinamiche del web e spesso prevedono un budget da spendere per gestire la loro presenza in rete, attirati dalla possibilità di calibrare l’investimento in base alle proprie esigenze e dalla facilità di monitorare il numero di contatti – e i possibili clienti – che acquistano grazie ad internet.

L’evoluzione di chi lavora per il web

come realizzare siti web

Se il cliente si è evoluto, anche chi lavora per il web deve adeguarsi alla domanda e al mercato che si è normalizzato: non basta più sapere qualcosa di html, smanettare con i programmi di grafica, ispirarsi ai siti più blasonati. Le opzioni per chi vuole lavorare per il web sono due: specializzarsi in un settore (grafica, contenuti, programmazione, marketing, etc…) lavorando in agenzie di comunicazione o per siti con numeri importanti oppure mettersi in proprio, affidandosi a collaboratori esterni solo quando è necessario. Alcuni suggerimenti per i moderni webmaster, da approfondire in futuro.

Internet, I love you

Se non amate la rete e le nuove tecnologie questo non è il mestiere che fa per voi. Seguire le evoluzioni della rete per proporre al cliente soluzioni al passo con i tempi deve essere un impegno quotidiano. Bisogna conoscere tutte le possibilità offerte dal web per poterle poi proporre al cliente. Social network, applicazioni per internet mobile, realtà aumentata, acquisti di gruppo, campagne pubblicitarie, portali verticali, e-book, blog di settore e tutte le novità che oggi sono di nicchia ma nel giro di mesi diventeranno normale amministrazione (anche se qualcuna si perderà per strada).

Essere esterofili aiuta: leggere in inglese, francese e spagnolo e navigare abitualmente sui siti internazionali, seguire le tendenze che arrivano dagli Stati Uniti è un valore aggiunto e vi darà le conoscenze necessarie per far fronte a (quasi) tutte le richieste dei clienti.

Personalizzare il sito

Tutti noi vorremmo avere come clienti grandi aziende, professionisti illuminati, enti pubblici senza problemi di bilancio. Qualche volta capita di incontrare il cliente dei nostri sogni, più spesso però abbiamo a che fare con realtà diverse ed è compito nostro trovare la soluzione ideale che soddisfi il cliente e non ci faccia perdere il sonno.

Se il tuo cliente è una piccola azienda, magari a conduzione familiare, forse sofferente per la crisi economica (a meno che tu non lavori in Svizzera, ma questa è la realtà più diffusa in Italia) tu non puoi proporre un portale supermegatecnologico, aggiornamenti come se piovesse, ad sense (pubblicità) a manetta e tutti gli ultimi ritrovati della scienza e della tecnica. Datti una regolata! Proponi soluzioni su misura e prezzi su misura.

Meglio essere educati che vendere tappeti

L’educazione viene prima delle tecniche di vendita. Una volta era un valore che ti insegnavano i genitori (e, in caso di genitori scostumati, provvedevano i nonni).
Io rispondo sempre alle telefonate e alle e-mail, spesso dò consigli disinteressati agli sconosciuti, metto a disposizione il mio tempo e le mie conoscenze (gratuitamente, se è per una buona causa); se mi coinvolgono in un progetto interessante, con finalità educative, faccio la mia parte.

In questo modo ho costruito una discreta rete di contatti che mi terrà presente qualora avesse bisogno di soluzioni professionali. E, dato che nel mondo del lavoro ho trovato persone sempre pronte a condividere con me quanto avevano imparato in anni di studio e pratica, cerco di fare lo stesso.

Mi manca solo la capacità – innata in molti italiani – di “vendere tappeti”, sarà la timidezza o l’allergia per il marketing. Ma non sapersi vendere, in un mondo dove tutti sono disposti a fare carte false pur di piazzare la merce o chiudere un contratto, può diventare un valore aggiunto quando il cliente capisce che non stai vendendo fumo.

Farsi pagare

Questa moda di lavorare gratis non mi è mai piaciuta. Confesso di averla praticata qualche volta in gioventù ma se c’è una cosa che si impara dai propri errori è come non commetterli più.

Del resto la tecnica del “ti regalo x e poi mi paghi y” non funziona. A meno che tu non sia un venditore di tappeti o di fumo o un account (o riunisca le tre qualifiche in una sola persona: ma in questo caso faresti il venditore di professione o staresti in un centro di recupero – o tutte e due le cose).

Tenete il punto, fate preventivi dettagliati e report finali mettendo in evidenza che cosa avete fatto e quanto tempo ci avete messo. Partite da un costo orario standard, moltiplicatelo per le ore lavorate e fatevi due conti, se non vi conviene – datemi retta – lasciate perdere. Fatevi pagare, sempre e comunque.

In alcuni casi vi capiterà il cliente “ostico”: allora bisogna proprio impuntarsi e spiegare che cosa significa il termine “lavoro” (occupazione specifica che prevede una retribuzione, fornire prodotti e servizi in cambio di denaro, etc…) ricorrendo ad esempi semplici semplici. Se io vado a comprare qualcosa dal salumiere, pago senza fargli notare che mio zio quando macella il maiale mi regala le salsicce; anche quando vado dal dentista ometto di comunicare che, volendo, il mio tatuatore di fiducia mi tirerebbe i morali gratis.

Smontate anche il solito ritornello “di là il sito me lo fanno a 1 euro”. Non siamo mica al mercato: quando compro il tè al supermercato un tot al kilo non è che dico al commesso alle casse “ma il negozio di fronte lo vende a meno”. Allora, in tutta sincerità, vai dal negozio di fronte, da tuo zio, dal tatuatore… che cosa vuoi da me?

Il 24 gennaio si terrà a L’Aquila un corso su Photoshop CS4 con Marianna Santoni. I partecipanti possono donare 50 euro per finanziare il progetto Lo Spazio del Ricordo, un archivio fotografico per ricordare storia, cultura e architettura della città colpita dal terremoto. Il corso sarà completamente gratuito per gli abruzzesi dentro il cratere.

Potete trovare maggiori informazioni sul sito di Marianna Santoni e registrarvi direttamente da Logicamente.

l'aquila

Segnalazione gastronomica. Il Natale e’ alle porte e siamo tutti piu’ buoni, comprese le ricette da gustare durante le feste.

Delicious days e’ il blog culinario  di due tedeschi di Monaco che non sono cuochi professionisti (anche se, volendo, potrebbero): Nicky e Oliver regalano ricette, racconti di viaggio, belle foto  e qualche plugin per wordpress.

Bella la grafica e facile la navigazione: proprio delizioso.

++ Delicious days ++

delicious days

Ho mangiato la foglia. O, meglio, la mela.
Infatti, dopo un lungo – anche se non esclusivo – uso di PC con sistema operativo Windows sono passata al Mac. E mi si è subito aperto il meraviglioso mondo dei Mac.

Non vorrei trasformarmi in una fanatica della Mela, nè vi consiglio di convertivi seduta stante ai prodotti del caro Steve Jobs (d’altra parte penso tutto il male possibile dell’i-Pod…).

Ma se dovete comprare un computer nuovo, prima leggete qui: Un Mac è sempre meglio di un PC?

Tornando a noi, va da sè – è inutile pure segnalarlo – che il sito della Apple è ‘strabello’ e i video sono utilissimi (da quelli che spiegano come passare al Mac a quelli dove gli ingegneri e i designer ti fanno vedere come li costruiscono in fabbrica).

++ Apple -Mac ++

La collana Pillolibri (di cui avevamo parlato tempo fa con Leggere ti fa venire il mal di testa? Prova i Pillolibri), si allarga ma non si allunga, rimanendo fedele al formato compatto dedicato a risolvere i problemi grandi e piccoli di chi si occupa di comunicazione o vuole saperne di più di grafica, video, programmazione, servizi on-line, marketing e sicurezza.

A Davide Vasta si aggiungono come autori degli e-book (disponibili in pdf e cartaceo) Gaspare Grammatico, Fabio Bernardi e Magda Paolillo. Più un sito nuovo nuovo, tutto dedicato alla collana: www.pillolibri.it.

Come ben sa la cara vecchia google, gli e-book sono ormai una solida realtà editoriale. E il buon Davide ha fatto scuola.

++ Pillolibri ++

pillolibri_vasta

Se siete esperti di fotografia, grafica, web e video o semplici curiosi o gente di passaggio a Roma il 28 ottobre potete approfittare di due eventi – due, dico due! – zeppi di professionisti della grafica, stampatori e varia umanità. E di corsi e seminari in quantità.

Il Creativity Day, dove potete provare a vincere una sbrilluccicante tavoletta grafica, e Creare>Stampare che quest’anno ha 3 parole chiave: ottimizzare, collaborare, rinnovarsi.

Venghino, siori, venghino! O – se non siete a Roma – vadino, siori, vadino!

++ Creativity Day ++
++ Creare>Stampare ++

creare_stampare_roma_ottobre