A grande richiesta la ricetta della “pasta alla Carmen”, che mi ha fatto vincere la prima tappa del tour Casa Barilla 2011, domenica 2 ottobre a Salerno.

Rientrata all’Elba dopo la solita lunga e tortuosa traversata per terra e per mare, rigenerata da un tonificante bagno nelle cristalline – seppur freddine – acque dell’isola, svelo la ricetta, inventata al momento in base agli ingredienti messi a disposizione dagli chef dell’Academia Barilla, ispirata dalla cuginetta di 18 mesi tutta intenta a esplorare lo stand della Barilla – soprattutto l’area dedicata ai Piccolini – mentre noi impavidi blogger ci sfidavamo a colpi di basilico e pasta. Ne approfitto per salutare i “colleghi” di blog Claudia, Fabio e Anna Luisa.

Ecco la ricetta:

Pasta alla Carmen

Ingredienti: scalogno, olive, pomodorini, pancetta, pecorino, basilico, peperoncino, tortiglioni.

Cuocere con poco olio la pancetta a fettine finché diventa croccante. Tenerla da parte. Friggere nell’olio della pancetta lo scalogno, aggiungere le olive e dopo qualche minuto i pomodorini. Regolare di sale e pepe. In un’altra padella cuocere il pecorino grattugiato fino a formare delle scaglie croccanti.

Scolare la pasta al dente, far saltare con il sugo e servire guarnendo la pasta con la pancetta croccante, il formaggio, basilico e peperoncino.

Ringrazio tutto lo staff Barilla: gli chef che mi hanno amorevolmente assistito controllando fuochi e tempi di cottura –“Fiore’ che la scoliamo la pasta?”, il fotografo, il presentatore, le ragazze dell’ufficio stampa e tutto il personale che ha lavorato domenica per regalare ai salernitani una giornata di festa, all’insegna della buona cucina e nonostante i 40 gradi all’ombra!

E, mi raccomando, ci vediamo a Roma per la finale!

casa barilla salerno pasta alla carmen

Tra gli esemplari di flora e fauna curiosa che spuntano come funghi in giardino (!), questi fiori di porro vincono il primo premio in quanto a stranezza.

Il porro è un ortaggio simile alla cipolla, dal sapore più dolce e delicato. Ha un fusto verde e, quando fiorisce, alla sommità del fusto spunta un oggetto non meglio identificato composto da decine di fiorellini bianchi.

porri fioriti in giardino

Dopo aver fatto bella mostra di sè in giardino, finisce in pentola: con ricotta e zucchine è uno dei ripieni più gustosi della pizza fritta fatta in casa.

porro in fiore in giardino

Stamattina, come da un paio di giorni a questa parte, la sveglia è suonata alle 6 e 30. Quando posso, dopo un paio di ore di lavoro sostituisco la solita pausa con una bella nuotata a Cetara, in Costiera amalfitana: 15 minuti per arrivare in spiaggia, qualche bracciata, un po’ di sole e di nuovo al lavoro.

Oggi, però, non ho proprio potuto evitare di tornare dal mare a mani vuote: cozze, ricci e lumache sono tornati a popolare – affollare è il termine giusto – i fondali della Costiera. In pochi minuti, solo con una maschera e un paio di occhialini, in tre abbiamo recuperato un kilo di cozze, una decina di ricci e qualche lumaca.

Pranzo a base di pesce, allora. Ma com’è stressante l’estate dalle mie parti!

riccio pescato in costiera amalfitana

pesca a cetara, costiera amalfitana: ricci, cozze, lumache

pesca a cetara: ricci, cozze, lumache

Quest’anno ho dovuto aspettare fino al 27 maggio per inaugurare la stagione estiva con il primo bagno: una lunga nuotata a Cetara, spiaggia della “torretta”, a pochi chilometri da casa. Nonostante l’acqua non fosse ancora della temperatura giusta: in acqua eravamo in 5, su circa 40 persone presenti in spiaggia.

Cetara è uno dei piccoli comuni della Costiera Amalfitana e il più vicino partendo da Salerno (saltando Vietri sul Mare che è sempre meno praticabile).

panorama torretta cetara costiera amalfitana salerno

Proprio il 27 a Cetara si stavano preparando per le orde di turisti che sbarcheranno a breve in costiera: terminata la ristrutturazione della Torretta, finalmente visitabile, un paio di trattori stavano sistemando le spiaggette vicino al porto, famoso per la pesca di alici (la pasta con la colatura di alici dicono sia spettacolare). Anche in spiaggia alla torretta ancora pochi bagnanti, bar chiuso e niente ombrelloni: la situazione balneare che preferisco!

spiaggia mare cetara costiera amalfitana salerno

Avvistati in acqua: un riccio, molte piccole cozze, castagnole, mini occhiate e altri pesci piccoli non meglio identificabili. Da segnalare 3 papere (sì, papere!) che facevano il bagno e un sub che ha scovato un discreto numero di polipetti.

Del tutto diverso il primo tuffo dello scorso anno a Cavoli, isola d’Elba: era il 25 aprile e, a parte me, tante piccole meduse nuotavano indisturbate nell’acqua cristallina di una delle più belle insenature dell’isola.

spiaggia di cavoli isola d'elba livorno al tramonto

mare cavoli isola d'elba livorno

Paella, tortilla e sangria. Di solito si ferma qui l’elenco delle specialità della cucina spagnola conosciute all’estero. Qualche fortunato ha assaggiato anche le tapas o il gazpacho, ovviamente in vacanza, d’estate, quasi sempre in Andalusia o giù di lì.

Non è mia intenzione celebrare la varietà delle pietanze dei cugini iberici e non basterebbe un trattato per descrivere la bontà del bacalao basco del nord, i colori dell’arroz della costa valenziana, cucinato in mille modi diversi (purtroppo è nota solo la variante ‘mista’, detta volgarmente paella), il cornetto col mitico jamòn serrano (prosciutto crudo) e i dolci delle feste.

Nemmeno voglio alimentare la solita guerra tra italiani, francesi, spagnoli (e potrei nominare qualsiasi paese mediterraneo) che si scatena ogni volta che si confrontano ricette autoctone e ghiottonerie straniere. D’altra parte a me piace tutto e cucino senza pomposo nazionalismo il brownie, i falafel, i fagioli alla messicana, il gulasch, il kebab, la polenta…

Non sono nemmeno sicura dell’origine delle bombas di patate. Perù? Messico? Però io le ho mangiate in Spagna. E, grazie alla memoria gustativa personale e a quella collettiva recuperata da ‘gogol’ – come dice il caro sdentato – vi propongo queste “bombe” di patate, che ricordano la migliore tradizione del cibo da strada dell’ex Regno delle Due Sicilie: arancini, crocchette, supplì e panzarotti.

Ricetta “bombas” di patate (per 6 persone)

Ingredienti: 600 gr di patate, 200 gr di carne tritata di manzo (oppure 100 gr di manzo e 100 gr di maiale), 1 cipolla, 1 spicchio d’aglio, 2 cucchiai di salsa di pomodoro, peperoncino piccante, pan grattato, sale e pepe, olio evo.

Continue reading ““Bombas” di patate, dalla Spagna con furore”

Nelle macine ci deve essere un ingrediente misterioso, un componente segreto che crea dipendenza e assuefazione. “Drogata” ormai da anni, e senza alcuna intenzione di disintossicarmi, ho provato a preparare questi biscotti con la panna che affondano paciosi nel latte senza perdere la loro invidiabile rotondità.

biscotti macine

Ricetta biscotti con la panna (macine)

Ingredienti: 500 gr di farina 00; 150 gr di zucchero a velo; 200 gr di burro; 1 uovo; 8 cucchiai di panna; una bustina di vanillina; una bustina di lievito; un pizzico di sale Continue reading “Per colazione? Cappuccino e macine fatte in casa”

Diciamocelo, l’orata non è il pesce più saporito del mondo. Sopratutto se proviene da un tristissimo allevamento e non è cresciuta – beata lei – in mare aperto. Ci tocca, dunque, rimpinzarla dei più svariati ingredienti, per darle un po’ di allegria e sapore.

Stanca delle versioni classiche – limone e prezzemolo; all’acqua pazza; con le verdure – ho improvvisato questa ricetta piuttosto invernale.

orata all'arancia

Ricetta orata all’arancia

Ingredienti: un’orata, un’arancia, un finocchio, un peperone giallo, timo, olio evo, vino bianco, sale grosso, pepe. Continue reading “Orata all’arancia su letto di finocchi e peperoni”

Della focaccia c’è la ricetta barese e quella genovese, nonché una versione toscana (che si chiama schiacciata) e probabilmente molte altre varianti più o meno (s)conosciute. Seguono liti e improperi su quale sia la ricetta originale, la regione che le diede i natali, la quantità e qualità degli ingredienti di base, etc… neanche fosse la pizza.

A proposito, per wikipedia la pizza sarebbe una specie di focaccia: ma va là, che ingenuità! Lo sanno pure le pietre che l’impasto della pizza è esclusivamente composto da farina, lievito e acqua. Se ci metti un cucchiaino di zucchero e/o olio e/o ingrediente segreto tramandato dalla nonna, mi dispiace per te, ma quella che stai impastando non è la pizza!

Più “prosaicamente”, stai preparando una focaccia. Quella, per intenderci, che faccio anch’io seguendo questa ricetta che non ha nessuna pretesa di essere autentica. Però è buona.

focaccia barese pomodorini origano

Ricetta focaccia barese pomodorini e origano

Impasto: 800 gr farina 00, 200 gr farina di semola, 3 patate medie, 1 cubetto di lievito di birra, un cucchiano di zucchero, sale, olio evo

Condimento: pomodorini, origano, sale grosso, olio

Continue reading “Focaccia pomodorini e origano (ricetta barese)”

Primi giorni di ottobre, viaggio in macchina con partenza all’alba da Cava de’ Tirreni, arrivo a Priverno di buon mattino e ritorno a casa costeggiando le spiagge di Terracina, Sperlonga e Gaeta con un bel sole primaverile.

Alle solite raffiche di vento che immancabilmente si abbattono sull’A1 all’altezza di Caserta si aggiunge la nebbia, che ci accompagna per tutto il tratto che attraversa l’agro pontino, ex palude bonificata negli anni 30 e, oggi, ultimo avamposto a nord dell’allevamento di bufale – con relativa produzione di mozzarella. Abbandoniamo l’autostrada del Sole, per fortuna con la relativa nebbia, raggiungendo Priverno col sole alto.

priverno latina fontana

Continue reading “Viaggi fuori dai paraggi -> Provincia di Latina: Priverno. Prima tappa”