humus natura di chef presentazione

In questi giorni diverse declinazioni del numero tre (ammesso che i numeri si possano declinare…) richiamano in continuazione la mia attenzione. Sarà un caso?

Il nuovo trio della musica italiana: Fabi, Silvestri, Gazzè

In musica, il trio composto da Niccolò Fabi, Daniele Silvestri e Max Gazzè mi ha accompagnato in chiusura d’anno con due concerti. Uno a Napoli e l’altro in metro a Roma, improvvisato e ancor più gradito del primo. A inizio anno li ho visti non più dal vivo ma in video su rai3 (rieccolo!) protagonisti del bel documentario LocalEuropa – Musica valida per l’espatrio con le riprese della tournée europea de Il padrone della festa e le testimonianze degli italiani all’estero incontrati dai tre musicisti durante il tour, molti dei quali ovviamente ex Erasmus (quando si dice “corsi e ricorsi storici”…).

La trilogia “I nostri antenati” di Italo Calvino

In prosa, mi è capitato tra le mani dopo anni Il visconte dimezzato, prima parte della trilogia I nostri antenati di Calvino con Il cavaliere inesistente e Il barone rampante. Il visconte protagonista del romanzo viene diviso a metà da una palla di cannone durante una battaglia. Il visconte dimezzato rappresenta il bene e il male che c’è in ognuno di noi, l’incompletezza dell’uomo che realizza una parte di sè e non l’altra.

Il ricomincio da tre di Troisi

In poesia, perché se si tratta di Troisi mi pare questo il termine più adatto, mi è tornato in mente Ricomincio da tre in occasione dell’uscita nelle sale dell’ultimo film di Siani, credo per compensazione (con tutto l’affetto – che pure abbiamo – per Siani) o per la motivazione inoppugnabile che dovrebbe guidare la scelta del nome di qualsiasi nascituro e non solo del famoso Ugo/Massimiliano.

I tre di Humus – Natura di Chef in cucina

Ed è sulla scia di questa continua attualizzazione della trinità che presento l’ultimo progetto di cui faccio parte Humus – Natura di Chef. Anche qui siamo debitori del numero tre in più di un senso. Dapprima perché siamo in tre: c’è mio fratello Fiore, cuoco provetto. Francesca super-esperta di cosmesi naturale e non solo. E, infine, ci sono io con le mie solite passioni culinarie. Poi perché tre sono le direzioni in cui ci muoviamo: educazione alimentare, sostenibilità e recupero del territorio con le sue tradizioni. E tre sono i luoghi fisici dove si può materialmente partecipare alle attività di Humus: la sede di Cava de’ Tirreni, a pochi chilometri dalla Costiera amalfitana con la scuola di cucina e lo spazio sociale; l’orto-laboratorio in campagna, sempre a Cava e Roma, dove faccio base in questo periodo (anche se non mancano incursioni/escursioni nel resto della penisola).

humus natura di chef

Un pensiero uno e trino

Tutto questo rimuginare sul “3” mi pare un esercizio utile per riflettere, partendo dai tre esempi sopra citati, sulla scelta dei compagni di viaggio, sulle opportunità di moltiplicare punti di vista e riflessioni, sulla necessità di armonizzare timbri diversi e sui vantaggi insiti nel condividere le responsabilità dell’età adulta senza perdere in meraviglia e divertimento.

Nel menu’ di quest’anno per la Vigilia e per Natale c’è lo zampino (o zampone, considerando il periodo) del fratellino fresco di studi in una cucina a tre stelle Michelin. Dopo aver sperimentato a Spazio, il ristorante – laboratorio palestra dei giovani chef allievi della scuola di Niko Romito, a casa si continuano a provare piatti, a innovare ricette della tradizione e ad allungare tavoli per accogliere il sempre più consistente numero di commensali (a Natale eravamo in diciassette!). Questo il menu della Vigilia, ovviamente il mio preferito considerato che ormai sono quasi vegetariana.

Menu di pesce e vegetariano per la Vigilia

Antipasti: Sandwich spinaci pistacchi e miele di carota, hamburger gamberi e arancio, finocchi al lampone e cavolo verza carpionato.

Primo piatto: Spaghetti e vongole alla lavanda.

Secondo piatto: Crema di baccalà e insalata di rinforzo.

Dolce: Crema finocchietto e mandarino con sfoglia al cioccolato fondente.

antipasto menu vigilia pesce antipasto menu vigilia antipasto menu vigilia

antipasto menu vigilia pesce e vegetariano antipasto menu vigilia pesce e vegetariano

antipasto menu vigilia pesce dolce antipasto menu vigilia dolce

A Natale, invece, ci siamo affidati al babbo per stilare il menu che, dato l’alto numero di portate, ha richiesto la partecipazione della famiglia al gran completo per preparate tutti i piatti. La sottoscritta, auto-nominatasi aiutante cuoca e fotografa ufficiale del lauto pasto, arrivata ai formaggi, ha svestito i panni di entrambe le professioni per godersi il gran finale da semplice buongustaia.

Menu quasi classico per Natale

Antipasti: mozzarella di Vannulo, affettati, pizza di scarola, broccoli gratinati, parmigiana di melanzane.

Primi piatti: ravioli ripieni con coscia d’agnello e ravioli ripieni di carciofi e limone con burro e salvia.

Secondi: arista di maiale con patate “arrecanate”, formaggi stagionati e freschi di bufala con miele, marmellata di fichi bianchi, olio al pistacchio, olio al peperoncino e insalata mista.

Dolci: panettone artigianale con gelato, panna e salsa calda di cioccolato; mustaccioli e rococò.

menu natale ravioli menu natale arista menu natale pizza scarole menu natale broccoli

A poco meno di un anno dalla sua prima apparizione in Italia che ha visto prendere parte oltre 200 partecipanti, il fotografo polacco Andrzej Dragan (http://www.andrzejdragan.com), uno degli artisti digitali più innovativi e acclamati degli ultimi anni e Marianna Santoni (http://www.mariannasantoni.com), nota fotografa professionista italiana e guru di Photoshop, terranno nuovamente insieme un seminario a quattro mani per spiegare da vicino il modo in cui lavora Andrzej Dragan e cosa c’è dietro il famoso “effetto Dragan”:  il suo approccio allo scatto, il modo in cui sceglie i suoi soggetti e le sue tecniche di elaborazione, mostrate dal vivo durante l’evento su alcune delle sue più celebri immagini.

Siamo indubbiamente di fronte ad una nuova interessantissima occasione per incontrare due grandi figure di spicco del panorama internazionale dell’era della fotografia digitale.

Possono partecipare a questo evento appassionati e professionisti del mondo della fotografia, della grafica, della pubblicità, ritoccatori, fotolitisti, stampatori, art director e chiunque senta il bisogno di imparare qualcosa di nuovo e trarne nuove ispirazioni.

L’evento sarà tradotto in lingua italiana, non è necessario conoscere l’inglese.

Queste le 3 tappe uniche dell’evento:

12 Maggio 2012, Barcellona (Spagna)
http://www.mariannasantoni.com/2012_05_barcelona_andrzej_dragan_workshop_fotografia_in_spain/andrzej_dragan_workshop_in_spain.php

13 Maggio 2012, Roma
http://www.mariannasantoni.com/2012_05_roma_andrzej_dragan_workshop_fotografia_in_italy/andrzej_dragan_workshop_in_italy.php

14 Maggio 2012, Milano
http://www.mariannasantoni.com/2012_05_milano_andrzej_dragan_workshop_fotografia_in_italy/andrzej_dragan_workshop_in_italy.php

Durante l’evento, strutturato come un’intervista aperta, si racconterà anche il making of di alcune delle più celebri immagini di Andrzej Dragan partendo dagli scatti originali per poi arrivare passo dopo passo, all’effetto finale che ha reso celebre questo artista.

Andrzej Dragan e il seminario sulla fotografia

Andrzej Dragan è un giovane artista molto aperto al confronto, e come già accaduto in precedenza, saranno possibili domande libere da parte del pubblico.

Tutti coloro che si iscriveranno entro il 1 Aprile 2012 potranno usufruire di uno sconto del 20% sul prezzo totale dell’iscrizione, un’occasione ghiotta da non lasciarsi scappare!

Per informazioni:
web: http://www.mariannasantoni.com
tel: 328 1111015

La maggior parte delle persone che conosco ha un lavoro normale (per il quale si fa pagare) e non viene assalito da un misto di preoccupazione e orgoglio quando deve rispondere alla fatidica domanda: “Che lavoro fai?”. Per anni la mia risposta è stata: “Faccio siti web”, declinata in tante varianti diverse a seconda dell’età e delle conoscenze tecnologiche dell’interlocutore: “realizzo siti web, mi occupo di siti internet, gestisco la presenza di una società in rete, sono una web master, web designer, web writer” e via webbando.

Quando tutto ebbe inizio (quasi quasi faccio la web master)

Tutto cominciò qualche anno prima di laurearmi in Scienze della comunicazione. Ho sempre avuto un certo interesse per le nuove tecnologie, e un’ampia conoscenza del web è uno dei pochi vantaggi di noi “giovani” nativi digitali. La curiosità mi ha spinto a scrivere contenuti per il web fin dal 2001, mi ha portato poi a costruire i primi siti web e, quando mi sono laureata, il passatempo universitario si è gradualmente trasformato in professione. Saranno 10 anni che mi occupo di siti web. Ma la rete è una giungla, si sa. E quando il gioco si fa duro i non duri si tirano fuori dalla mischia.

La concorrenza è diventata ben presto agguerritissima: dalle agenzie di comunicazione spuntate ovunque al giovanotto fresco di studi che lavora (quasi) gratis. Tante persone ad offrire un servizio relativamente nuovo, spesso percepito come non necessario e, di conseguenza, pagato poco. Il mercato si è ben presto saturato e molti professionisti hanno tirato i remi in barca.

Domani smetto

Anch’io, dopo 10 anni di (dis)onorata carriera, alcuni mesi fa ho gettato la spugna e ho ufficialmente smesso di “realizzare siti web”. Non l’avessi mai fatto! Da allora sono piena di richieste da parte di clienti che non ho cercato, che stranamente non mi chiedono di fare cose assurde (“Ci mettiamo l’animazione all’inizio? E un po’ di fucsia?”) e addirittura mi pagano senza batter ciglio. Stupore! E’ una specie di legge del contrappasso o una legge di Murphy riveduta e corretta.

Dopo ripetuti ripensamenti su questo curioso fenomeno, credo di essere riuscita a capire cosa è successo. Innanzitutto è cambiato il cliente: diciamo che si è evoluto proprio come il web. Ovviamente sono cambiata anch’io. Esaminiamo prima come stanno le cose dal punto di vista del cliente.

come realizzare siti web e vivere felici

Il cliente 2.0

La seconda volta del cliente

Tutti i miei attuali clienti hanno già un sito, alcune volte fatto in casa con frontpage (ahi! ahi!), altre volte costruito da professionisti non più sul mercato (è la crisi, bellezza). Nella maggior parte dei casi il sito è stato realizzato seguendo la classica impostazione: Home page molto “grafica”, di solito con una bella animazione; pagina che descrive i prodotti/servizi dell’azienda; pagina per i contatti con ben in evidenza la mappa per raggiungere la sede della società. Testi molto stringati, aggiornamenti inesistenti, interazione con gli utenti pari a zero.

Quando si rivolgono a me, ad anni di distanza dalla realizzazione del loro primo sito, i clienti, pur non sapendo ancora quello che vogliono, sanno esattamente cosa non vogliono: il classico sito statico, un bigliettino da visita trasferito sul web.

La seconda generazione al comando

La mutata attenzione nei confronti della rete è dovuta ad un insieme di fattori: primo fra tutti la presenza in molte aziende di nuove leve che stanno prendendo il posto della vecchia generazione. I giovani adulti di 30/40 anni sono più tecnologici dei loro padri, conoscono meglio le dinamiche del web e spesso prevedono un budget da spendere per gestire la loro presenza in rete, attirati dalla possibilità di calibrare l’investimento in base alle proprie esigenze e dalla facilità di monitorare il numero di contatti – e i possibili clienti – che acquistano grazie ad internet.

L’evoluzione di chi lavora per il web

come realizzare siti web

Se il cliente si è evoluto, anche chi lavora per il web deve adeguarsi alla domanda e al mercato che si è normalizzato: non basta più sapere qualcosa di html, smanettare con i programmi di grafica, ispirarsi ai siti più blasonati. Le opzioni per chi vuole lavorare per il web sono due: specializzarsi in un settore (grafica, contenuti, programmazione, marketing, etc…) lavorando in agenzie di comunicazione o per siti con numeri importanti oppure mettersi in proprio, affidandosi a collaboratori esterni solo quando è necessario. Alcuni suggerimenti per i moderni webmaster, da approfondire in futuro.

Internet, I love you

Se non amate la rete e le nuove tecnologie questo non è il mestiere che fa per voi. Seguire le evoluzioni della rete per proporre al cliente soluzioni al passo con i tempi deve essere un impegno quotidiano. Bisogna conoscere tutte le possibilità offerte dal web per poterle poi proporre al cliente. Social network, applicazioni per internet mobile, realtà aumentata, acquisti di gruppo, campagne pubblicitarie, portali verticali, e-book, blog di settore e tutte le novità che oggi sono di nicchia ma nel giro di mesi diventeranno normale amministrazione (anche se qualcuna si perderà per strada).

Essere esterofili aiuta: leggere in inglese, francese e spagnolo e navigare abitualmente sui siti internazionali, seguire le tendenze che arrivano dagli Stati Uniti è un valore aggiunto e vi darà le conoscenze necessarie per far fronte a (quasi) tutte le richieste dei clienti.

Personalizzare il sito

Tutti noi vorremmo avere come clienti grandi aziende, professionisti illuminati, enti pubblici senza problemi di bilancio. Qualche volta capita di incontrare il cliente dei nostri sogni, più spesso però abbiamo a che fare con realtà diverse ed è compito nostro trovare la soluzione ideale che soddisfi il cliente e non ci faccia perdere il sonno.

Se il tuo cliente è una piccola azienda, magari a conduzione familiare, forse sofferente per la crisi economica (a meno che tu non lavori in Svizzera, ma questa è la realtà più diffusa in Italia) tu non puoi proporre un portale supermegatecnologico, aggiornamenti come se piovesse, ad sense (pubblicità) a manetta e tutti gli ultimi ritrovati della scienza e della tecnica. Datti una regolata! Proponi soluzioni su misura e prezzi su misura.

Meglio essere educati che vendere tappeti

L’educazione viene prima delle tecniche di vendita. Una volta era un valore che ti insegnavano i genitori (e, in caso di genitori scostumati, provvedevano i nonni).
Io rispondo sempre alle telefonate e alle e-mail, spesso dò consigli disinteressati agli sconosciuti, metto a disposizione il mio tempo e le mie conoscenze (gratuitamente, se è per una buona causa); se mi coinvolgono in un progetto interessante, con finalità educative, faccio la mia parte.

In questo modo ho costruito una discreta rete di contatti che mi terrà presente qualora avesse bisogno di soluzioni professionali. E, dato che nel mondo del lavoro ho trovato persone sempre pronte a condividere con me quanto avevano imparato in anni di studio e pratica, cerco di fare lo stesso.

Mi manca solo la capacità – innata in molti italiani – di “vendere tappeti”, sarà la timidezza o l’allergia per il marketing. Ma non sapersi vendere, in un mondo dove tutti sono disposti a fare carte false pur di piazzare la merce o chiudere un contratto, può diventare un valore aggiunto quando il cliente capisce che non stai vendendo fumo.

Farsi pagare

Questa moda di lavorare gratis non mi è mai piaciuta. Confesso di averla praticata qualche volta in gioventù ma se c’è una cosa che si impara dai propri errori è come non commetterli più.

Del resto la tecnica del “ti regalo x e poi mi paghi y” non funziona. A meno che tu non sia un venditore di tappeti o di fumo o un account (o riunisca le tre qualifiche in una sola persona: ma in questo caso faresti il venditore di professione o staresti in un centro di recupero – o tutte e due le cose).

Tenete il punto, fate preventivi dettagliati e report finali mettendo in evidenza che cosa avete fatto e quanto tempo ci avete messo. Partite da un costo orario standard, moltiplicatelo per le ore lavorate e fatevi due conti, se non vi conviene – datemi retta – lasciate perdere. Fatevi pagare, sempre e comunque.

In alcuni casi vi capiterà il cliente “ostico”: allora bisogna proprio impuntarsi e spiegare che cosa significa il termine “lavoro” (occupazione specifica che prevede una retribuzione, fornire prodotti e servizi in cambio di denaro, etc…) ricorrendo ad esempi semplici semplici. Se io vado a comprare qualcosa dal salumiere, pago senza fargli notare che mio zio quando macella il maiale mi regala le salsicce; anche quando vado dal dentista ometto di comunicare che, volendo, il mio tatuatore di fiducia mi tirerebbe i morali gratis.

Smontate anche il solito ritornello “di là il sito me lo fanno a 1 euro”. Non siamo mica al mercato: quando compro il tè al supermercato un tot al kilo non è che dico al commesso alle casse “ma il negozio di fronte lo vende a meno”. Allora, in tutta sincerità, vai dal negozio di fronte, da tuo zio, dal tatuatore… che cosa vuoi da me?

Il 24 gennaio si terrà a L’Aquila un corso su Photoshop CS4 con Marianna Santoni. I partecipanti possono donare 50 euro per finanziare il progetto Lo Spazio del Ricordo, un archivio fotografico per ricordare storia, cultura e architettura della città colpita dal terremoto. Il corso sarà completamente gratuito per gli abruzzesi dentro il cratere.

Potete trovare maggiori informazioni sul sito di Marianna Santoni e registrarvi direttamente da Logicamente.

l'aquila

Ho mangiato la foglia. O, meglio, la mela.
Infatti, dopo un lungo – anche se non esclusivo – uso di PC con sistema operativo Windows sono passata al Mac. E mi si è subito aperto il meraviglioso mondo dei Mac.

Non vorrei trasformarmi in una fanatica della Mela, nè vi consiglio di convertivi seduta stante ai prodotti del caro Steve Jobs (d’altra parte penso tutto il male possibile dell’i-Pod…).

Ma se dovete comprare un computer nuovo, prima leggete qui: Un Mac è sempre meglio di un PC?

Tornando a noi, va da sè – è inutile pure segnalarlo – che il sito della Apple è ‘strabello’ e i video sono utilissimi (da quelli che spiegano come passare al Mac a quelli dove gli ingegneri e i designer ti fanno vedere come li costruiscono in fabbrica).

++ Apple -Mac ++

La collana Pillolibri (di cui avevamo parlato tempo fa con Leggere ti fa venire il mal di testa? Prova i Pillolibri), si allarga ma non si allunga, rimanendo fedele al formato compatto dedicato a risolvere i problemi grandi e piccoli di chi si occupa di comunicazione o vuole saperne di più di grafica, video, programmazione, servizi on-line, marketing e sicurezza.

A Davide Vasta si aggiungono come autori degli e-book (disponibili in pdf e cartaceo) Gaspare Grammatico, Fabio Bernardi e Magda Paolillo. Più un sito nuovo nuovo, tutto dedicato alla collana: www.pillolibri.it.

Come ben sa la cara vecchia google, gli e-book sono ormai una solida realtà editoriale. E il buon Davide ha fatto scuola.

++ Pillolibri ++

pillolibri_vasta

Come uscire dalla crisi, economica e morale, in cui versa la nostra amata (!) penisola? La domanda non è così filosofica come sembra.

Che si può fare, a parte lamentarsi che il petrolio è alle stelle, non esistono più le mezze stagioni e la classe politica è anziana e corrotta?

Le soluzioni sono 2:

  1. andare all’estero e tornare solo per far scorta di mozzarelle;
  2. bypassare le doglianze pubbliche e private e fare qualcosa, una qualsiasi cosa, piccola, media, grande ma che abbia un respiro un po’ più ampio del nostro: partecipazione, come diceva Gaber.

Sicchè se siete giovani, armati di belle speranze e spirito d’iniziativa e avete 5 minuti di tempo libero a settimana – calcetto, piscina, inglese, parenti e fidanzati permettendo – potete raggiungerci qui: europeme.ning.com

Ning è un social network, uno spazio virtuale dedicato agli argomenti più diversi. Noi useremo la community di Ning per decidere i contenuti di EuropeME, portale dedicato all’eurogeneration, a chi sta facendo l’Erasmus, a chi vive all’estero, viaggia, studia, lavora…

Riusciremo con internet
, usata seguendo i principi del web 2.0 (trasparenza, interattività, partecipazione, accesso libero, relazioni sociali…) e l’Erasmus a salvare il mondo?
Magari no, però almeno ci avremmo provato.

Mi è arrivata segnalazione virtuale di un evento reale: Arrivano i guru, ovvero un tour in 8 città italiane che porterà a spasso per la penisola esperti di web, immagini digitali, design…

Se non vi bastano libri e corsi multimediali e preferite il caro vecchio contatto diretto alla virtualità del digitale questa è l’occasione che fa per voi.

L’evento, totalmente gratuito, si svolgerà di venerdì o sabato mattina a partire dal 14 giugno: intervengono 4 Adobe|Guru, Claudio Marconato, Marianna Santoni, Tiziano Fruet e Davide Vasta nelle città di Napoli, Bari, Roma, Catania, Torino e Udine, con la partecipazione speciale nelle tappe di Milano e Bologna di Mauro Boscarol.

Vi rimando al sito per maggiori informazioni.

++ Arrivano i guru ++

arrivano i guru