imperfezione ritratto bn

Non amo la perfezione.

Mi piace che la vita si intrometta a sporcare qualsiasi tentativo di renderla ferma, liscia, praticamente perfetta.

Mi piace che in una canzone si sentano le voci dello studio di registrazione in sottofondo qualche secondo prima che cominci o finisca il brano, il rumore ovattato del pedale che si abbassa sotto il piano, il direttore che chiama i cori a intervenire.

Mi piace che una foto non sia perfettamente a fuoco, ben bilanciata o con i punti chiave in sezione aurea; mi piace che sia storta, sghemba e che l’inquadratura non contenga per intero il soggetto che si pretende di immortalare; che occhi, mani e piedi non si facciano intrappolare dall’obiettivo.

Mi piace che in un video si sentano i rumori “d’ambiente”, si veda gente che passa indaffarata a fare altro mentre chi è in primo piano non fissa in camera ma guarda altrove, rifiutando di dare occhi e anima a una macchina come fosse un fantoccio, una maschera, un presentatore imbolsito ipnotizzato dalla lucina rossa.

Mi piace che in un piatto manchi qualcosa, che ci sia un sapore slegato dagli altri, che sia sempre possibile migliorarlo aggiungendo o togliendo un ingrediente.

Amo che le cose si vedano per come sono: imperfette e meravigliosamente umane.

ritratto_bn

Vedi, in questi silenzi in cui le cose
s’abbandonano e sembrano vicine
a tradire il loro ultimo segreto,
talora ci si aspetta
di scoprire uno sbaglio di Natura,
il punto morto del mondo, l’anello che non tiene,
il filo da disbrogliare che finalmente ci metta
nel mezzo di una verità”.
Montale

pianoforte bianco e nero

C’è un posto in cui “cuore” fa rima solo con “amore” e non – che so – con “furore” o “pudore” o “Medugorje”, dove il palco sembra sempre l’interno di una discoteca degli anni anni ottanta, dove le battute non fanno ridere e le canzoni non fanno piangere (almeno non intenzionalmente), dove la valletta è un orpello del co-conduttore, che è una decorazione dell’imitatrice, che è ausiliaria del presentatore il quale, in verità, si limita a leggere molto male su un gobbo posizionato o troppo in basso o troppo in alto domande concepite da uno stuolo di autori: concetti profondi come “ti piacciono i fiori?”, tradotti in inglese per gli ospiti stranieri da un “pool”, un “team”, una “joint-venture”, un “bail-in” come direbbero a Genova, di esperti in filologia romanza e lingue indoeuropee, dove tutti sembrano essere appena stati dal parrucchiere, dal chirurgo plastico, dallo stilista, in una spa ma devono aver trovato tutto chiuso perché incontro persone meglio truccate, più eleganti e con volti realmente riposati anche in metro alle sette del mattino, dove l’età media è quella di una cariatide nonostante fra i big ci siano dei ragazzini sconosciuti a chi non segue i “talent” che pare abbiano meno di 25 anni.

C’è un posto dove non si riesce ad uscire dal turbine nazional-popolare che avviluppa tutti in questi giorni neppure con l’esercizio dell’ironia di chi guarda o commenta senza guardare con il sopracciglio alzato, la fronte aggrottata e un occhio ai tweet…

Tutti a criticare Sanremo con la sicumera dell’intellettuale di sinistra che ascolta solo jazz e musica classica, tutti esperti di composizione, melodia e armonia così come sono tutti allenatori di calcio quando l’Italia gioca ai mondiali, hanno il tesserino di geometra o avvocato  se c’è da sproloquiare per l’ennessima affittopoli, sono etologi, antropologi e psicologi osservatori di dinamiche naturali (sanno come si accoppiano e come allevano la prole tutte le specie animali, ma proprio tutte) e culturali (sono a conoscenza di come tutti i paesi del mondo, ma proprio tutti, disciplinano la convivenza di uno o più adulti di sesso diverso o dello stesso sesso sotto lo stesso tetto in presenza di bambini o in assenza di bambini, nel caso in cui ci siano o non ci siano animali domestici o non domestici o addomesticati sotto lo stesso tetto o in balcone o in terrazzo o in giardino) quando c’è da votare leggi di semplice buon senso e un lungo e un largo e un medio e un mezzo eccetera. Ad libitum.

Sicché non si riesce a fare un discorso di-staccato, co-struttivo, dis-truttivo, deco-struttivo nemmeno sul festival di Sanremo. Bisogna che vada in un posto dove Sanremo è Sanremo. Esiste?

autoritratto

Ci sono volti che non mostrano i segni del tempo, per natura o intervento estetico.
Non il mio.

Io ho rughe sulla fronte dai miei quindici anni,
mi si legge in faccia la mancanza di sonno,
i chilometri di strada fatta a piedi,
le valigie trascinate di stazione in stazione.

Il colore dei capelli nasconde ancora bene quelli bianchi già spuntati.

Il sole e il mare del sud mi sono passati sopra più stagioni di quante la carta d’identità farebbe lecitamente supporre.

Tuttavia mi rimane una certa giovinezza negli occhi, quella che a volte filtra attraverso i vetri spessi degli occhiali.

me_1

erri de luca libri di natale

A Natale di solito regalo libri. A tutti, indiscriminatamente. Scruto con attenzione il momento in cui chi scarta il pacchettino scopre cosa ho scelto: la faccia che fa è la cartina di tornasole per capire se ho scelto bene, assecondando gusti o suggerendo sconosciuti da scoprire. L’effetto sorpresa è altamente rilevatore e c’è giusto un attimo, prima  del ringraziamento di circostanza e del sorriso di cortesia, in cui il volto è sincero e svela la collocazione prossima del libro appena ricevuto in regalo: la biblioteca dei preferiti o la pila dei regali da riciclare.  E’ un test che rivela molte cose su chi dona e chi riceve il dono e un esercizio che mi ricorda i tempi dell’università in cui ero sempre in modalità “osservazione antropologica” per la tesi di laurea.

I libri di Natale di Erri de Luca

A questo rituale si sottrae una sola persona: mia madre. Da anni ho delegato il momento della scelta a Erri De Luca. A Natale, cascasse il mondo, mamma sa già che troverà sotto l’albero un libriccino di Erri. Lei lo sa, io lo so e ho il vago sospetto che ormai lo sappia pure Erri.

Erri è uno di quei pochi scrittori di cui non voglio leggere tutte le opere, per avere sempre qualcosa di suo che ancora non ho letto.

Deve abitare da qualche parte vicino a casa, a Roma, e la prossima volta che lo incontro devo ricordarmi di dirgli di scrivere almeno un libro all’anno perchè mi serve per il regalo di Natale a mamma.

Erri che arriva puntuale e beve birra,
Erri che non si siede per vedere le persone,
Erri che legge il russo ma non lo parla,
Erri che è come i suoi libri, asciutto e sottile,
Erri che De Andrè non era attuale nemmeno in vita figuriamoci adesso,
Erri che di Dostoevskij sarebbero bastate solo le notti bianche,
Erri che ha la mia stessa lingua madre,
Erri che ha gli occhi blu pure in bianco e nero.

spagna oceano san sebastian

De vez en cuando
escucho musica española,
de vez en cuando
la luz al atardecer sobre unas calles de Roma se parece a la de Madrid,
de vez en cuando
me alegra que me pidan informaciones en castellano,
de vez en cuando
echo de menos los bocadillos de calamares, las claras a las tres de la tarde, los bares feisimos,
de vez en cuando tengo necesidad de volver a ver “Todo sobre mi madre”
y, cada vez, la musica de Ismael Lo en el tre que va de Madrid a Barcelona
me pone los pelos de punta.

Madrid, te quiero.

La collana Pillolibri (di cui avevamo parlato tempo fa con Leggere ti fa venire il mal di testa? Prova i Pillolibri), si allarga ma non si allunga, rimanendo fedele al formato compatto dedicato a risolvere i problemi grandi e piccoli di chi si occupa di comunicazione o vuole saperne di più di grafica, video, programmazione, servizi on-line, marketing e sicurezza.

A Davide Vasta si aggiungono come autori degli e-book (disponibili in pdf e cartaceo) Gaspare Grammatico, Fabio Bernardi e Magda Paolillo. Più un sito nuovo nuovo, tutto dedicato alla collana: www.pillolibri.it.

Come ben sa la cara vecchia google, gli e-book sono ormai una solida realtà editoriale. E il buon Davide ha fatto scuola.

++ Pillolibri ++

pillolibri_vasta

Il nostro idolo, Tiziano Ferro, Tizzy per le fan, non contento di farci scervellare sul probabile (o improbabile) significato delle sue canzoni ha pensato di aumentare il grado di difficoltà d’interpretazione dei suoi testi.

Primo: ha tradotto Indietro in inglese (e non vi dico cosa diventano i versi  ‘Ricevo il tuo contrordine speciale. / Nemico della logica morale. / Opposto della fisica normale). Secondo: ha deciso di pronunciare la lingua del Bardo come se abitasse ancora a Latina e non – udite, udite – a Londra. Si vede che la full immersion in Inghilterra non serve a molto.

Vi invito a sentire il ritornello: quel ‘breathe gentle, be gentle trasformatosi in un più mediterraneo ‘Vincenzo, Vincenzo’.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=UIE3xFbNFKY&hl=it&fs=1&]

Però, in fondo, gli vogliamo bene. A Tiziano e a Vincenzo in egual misura.

I Pillolibri sono l’antidoto ai supermanuali che tanto vanno di moda nel mondo informatico (e non solo). Permettono di salvare qualche migliaio di alberi e non aumentano la vostra miopia.
I Pillolibri sono una collana di libri estremamente compatti (da  10 a 40 pagine al massimo), disponibili, sia in cartaceo, sia in download (ad un prezzo estremamente contenuto).

I primi 5 Pillolibri sono dedicati ai seguenti argomenti:

  • Creare oggetti 3D con Illustrator
  • Fotografia: le basi
  • Progettare un marchio
  • Home Banking con Bancoposta
  • Immagini VR con Cubic Converter

L’idea è di Davide Vasta, maggiori informazioni le trovate sul suo sito:
http://www.davidevasta.biz/pubblicazioni_libri.html

pillolibri