Limoni e mozzarella?!? Ok, l’accostamento può sembrare azzardato. Infatti la ricetta non è mia ma di un inglese di passaggio da queste parti: Jamie Oliver (Great Italian Escape – Amalfi), e se non fosse il mio cuoco preferito non avrei tentato di sperimentarla a casuccia, la vigilia di Natale per giunta, infilandola nell’unico spazietto disponibile del menu tradizionale.

Ingredienti per 12 persone

  • 4 limoni (rigorosamente non trattati); una mozzarella di bufala; 3 pomodorini; foglie di menta, alloro e limone; sale e pepe.

limoni ripieni di mozzarella

Continue reading “Limoni d’Amalfi ripieni di mozzarella di bufala”

Il nostro idolo, Tiziano Ferro, Tizzy per le fan, non contento di farci scervellare sul probabile (o improbabile) significato delle sue canzoni ha pensato di aumentare il grado di difficoltà d’interpretazione dei suoi testi.

Primo: ha tradotto Indietro in inglese (e non vi dico cosa diventano i versi  ‘Ricevo il tuo contrordine speciale. / Nemico della logica morale. / Opposto della fisica normale). Secondo: ha deciso di pronunciare la lingua del Bardo come se abitasse ancora a Latina e non – udite, udite – a Londra. Si vede che la full immersion in Inghilterra non serve a molto.

Vi invito a sentire il ritornello: quel ‘breathe gentle, be gentle trasformatosi in un più mediterraneo ‘Vincenzo, Vincenzo’.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=UIE3xFbNFKY&hl=it&fs=1&]

Però, in fondo, gli vogliamo bene. A Tiziano e a Vincenzo in egual misura.

Scrapbook.sreski, scioglilingua impronunciabile – almeno per me -, è il blog del designer inglese Mark Dormand. Volendo essere precisi Mark è di Manchester: sarà contento in questi giorni.

Sul blog si trovano parte dei lavori visibili anche sul sito personale del giovane grafico. Ci sono illustrazioni molto belle nel suo portfolio: sreski.com.

Sia il blog che il sito sono molto semplici e molto azzurri, colore che negli ultimi tempi prediligo.
Buona visita.

++ scrapbook.sreski ++

scrapbook sreski

Mi trovo a segnalare nuovamente una rete televisiva: Channel4, il ‘quarto canale’ inglese.

Per fortuna dei sudditi di sua maestà somiglia molto di più alla ‘cuatro’ spagnola (che abbiamo già visto su questi schermi in un post recente) che alla nostra Rete4.

Channel4 è una rete pubblica come la BBC ma non riceve nessun finanziamento dallo stato: si mantiene grazie alla pubblicità, cosa alquanto sorprendente. Nata nel 1982, visibile in tutto il Regno Unito oggi fa parte di un network che comprende radio, società di produzione cinematografica (ha finanziato tra gli altri Quattro matrimoni e un funerale e Trainspotting), tv on demand e magnifico sito web.

Semplice, funzionale,  con video, articoli e documenti che supportano, completano e arricchiscono i programmi tv. Naturalmente la mia sezione preferita è il 4Food:  ricette, video e sfide tra cuochi, dal giovane Jamie Oliver al blasonato Gordon Ramsay.

Buon appetito. Ops, buona visione.

++ channel4 ++
++ channel4 su wikipedia (in inglese) ++

channel4