autoritratto

Ci sono volti che non mostrano i segni del tempo, per natura o intervento estetico.
Non il mio.

Io ho rughe sulla fronte dai miei quindici anni,
mi si legge in faccia la mancanza di sonno,
i chilometri di strada fatta a piedi,
le valigie trascinate di stazione in stazione.

Il colore dei capelli nasconde ancora bene quelli bianchi già spuntati.

Il sole e il mare del sud mi sono passati sopra più stagioni di quante la carta d’identità farebbe lecitamente supporre.

Tuttavia mi rimane una certa giovinezza negli occhi, quella che a volte filtra attraverso i vetri spessi degli occhiali.

me_1

La mente – molto spesso, quasi sempre – segue percorsi strani e indecifrabili. Almeno la mia.

Mi sono ricordata all’improvviso di questo sito su Egon Schiele (’antichissimo’, uno dei primi siti veramente belli fatti in flash, cose del 2000 o giù di lì).

Sarà che sulla mia nuova agenda c’è Modigliani e in giro per casa inciampo volentieri nei due volumoni della Taschen su quello svitato di Dalì… ma qual è la connessione (o il ‘link’ come direbbero i modernisti) con questo pittore ammiratore di Klimt, ancora più ossessivo e angosciante di Kokoschka?


Domanda destinata a rimanere senza risposta.

Buona visione (solo con Internet Explorer, solo per questa volta).

++ Egon Schiele ++
++ Egon Schiele su wikipedia ++

Egon Schiele