insalata di orzo pomodori secchi e pistacchi

Come si prepara un’insalata sana e gustosa? Me lo chiede #sorella4saltiinpadella, stupita dal fatto che anche le insalate possano essere buone. Basta seguire qualche semplice regola.

Prima, però, breve presentazione di Sorella 4 Salti In Padella, detta #sorella4saltiinpadella. #sorella4saltiinpadella ha la fortuna di nascere, primogenita, in una famiglia ossessionata dal cibo (composta da #mammabionica, #papaguidamichelin, #fratellocuoco e #iosenzahashtag) e la sventura di non aver ereditato il gene culinario, ammesso che esista. Ha però una bella mente matematica sicché è perfettamente in grado di riprodurre piatti complicati qualora riceva istruzioni logiche e dettagliate. Ha una cucina dotata di lavastoviglie supersonica, di qualsiasi elettrodomestico abbiano inventato e di servizi di piatti bastevoli a un esercito: tre caratteristiche che ne causano la frequente invasione da parte del resto della famiglia, con le scuse più pretestuose. Quando è da sola si mette ai fornelli e, nonostante il soprannome – o nickname come dicono i nativi digitali – aborre surgelati e piatti pronti. Di solito se la cava chiedendo al volo una ricetta a uno a caso dei componenti della famiglia.

L’ultimo SOS indirizzato a me aveva per oggetto: come posso fare un’insalata buona? Ma che sia facile e veloce, mi raccomando!

Cinque regole da seguire per fare un’insalata buona e gustosa

#sorella4saltiinpadella: “Sister, devo preparare qualcosa per il compleanno di mio marito. Tipo un’insalata, che ci posso mettere?”

#iosenzahashtag: “Direi tutto a parte l’insalata verde. A me l’insalata nuda e cruda mette tristezza, è come il riso in bianco all’ospedale…”

#sorella4saltiinpadella: “E allora come faccio?”

#iosenzahashtag: “Ti do una ricetta da cui puoi estrapolare 5 regole base per preparare insalate a volontà per compleanni, cresime e feste comandate. Sei pronta?”

Regola numero uno: usa un cereale, per esempio l’orzo

Non devi seguire le mode del momento (qualcuno ti ha detto “quinoa”??? Ignoralo!), basta ricordarsi cosa mangiavano i nonni: avena, miglio, farro, orzo, grano, mais… Scegli le versioni integrali, se #fratellocuoco ti becca con l’orzo perlato o decorticato si fa venire una crisi epilettica. Quindi prendi l’orzo integrale, mettilo a mollo una notte e la mattina dopo lo fai cuocere ad assorbimento (devi mettere una quantità d’acqua che poi si assorbe tutta). Non devi scolare nè sciacquare, altrimenti ci perdiamo tutte le proprietà nutritive. E l’orzo lo teniamo da parte.

Regola numero due: scegli verdure o ortaggi di stagione

Ora che abbiamo la base dobbiamo pensare al condimento. Useremo verdure o ortaggi di stagione, anche poco “saporiti” perché un po’ di carattere in più lo inseriamo con la prossima regola. Siccome tuo marito è nato lo stesso giorno di Berlusconi (29 settembre), possiamo ancora usare le zucchine. Fosse nato lo stesso giorno di Winston Churchill (30 novembre) avremmo preso la zucca. Tant’è.

Con il tempo e un accorto uso del metodo scientifico – quello che procede per prove ed errori – impareremo come fare gli abbinamenti giusti, accostando una o più verdure ad altri ingredienti più o meno nobili come il pesce, i latticini, i salumi… Per il momento abbiamo optato per le zucchine e possiamo passare alla cottura: anche qui, meno si cuoce meglio è per salvaguardare sapore e benefici nutrizionali, #fratellocuoco docet. Quindi grigliamo, al forno oppure in padella ma senza olio e solo per pochi minuti. E anche le zucchine sono pronte.

Regola numero tre: aggiungi sapidità o un tocco di “umami”

Dalla cucina giapponese (sempre sia lodata) abbiamo imparato come usare sapori forti, per esempio le alghe, la soia, alcuni tipi di funghi per arricchire portate più “neutre” come riso e verdure. Ma anche la cucina italiana abbonda di ingredienti che danno un bel sapore caratteristico a tutto ciò che toccano: pomodori secchi, alici, bottarga, tonno, alcuni tipi di formaggi e salumi. Piccole quantità di uno di questi ingredienti e avremo un’insalata saporita e gustosa. Qui mettiamo un po’ di pomodori secchi. Li puoi chiedere a #mammabionica, ha già preparato “tot barattoli cada figlio”.

Regola numero quattro: fai prevenzione a tavola, ovvero frutta secca a volontà

Lo dice anche Veronesi, mi pare, e in ogni caso Ciro Vestita che è un medico molto più simpatico: una manciata di frutta secca al giorno fa bene alla salute. Noci, mandorle, nocciole, pistacchi; anche qui è gradita meno esterofilia, quindi lascia perdere le noci di Macadamia, soprattutto se non sai dov’è Macadamia – che poi wikipedia dice addirittura che non è un posto ma una persona, quindi se non conosci mister John MacAdam lascia stare. Nel nostro caso, scegliamo i pistacchi.

Regola numero cinque: varia le erbe aromatiche, per cambiare il gusto a tuo piacimento

Qualcuno ti dirà sempre e solo: “prezzemolo”. Diciamolo subito che il prezzemolo si merita tutta la cattiva fama che ha, magari non proprio tutta, tutta, però… Il prezzemolino non sta bene con qualsiasi cosa, non è una scarpa col tacco, perbacco! In natura esistono centinaia di erbe aromatiche, non capisco tutto questo accanimento. Anche se non hai il giardino, ma tu puoi usare quello di #mammabionica, devi avere almeno 5 piantine a casa, sul balcone, sul davanzale della finestra, in bagno, dove ti pare. Io al momento scelgo: basilico, rosmarino, salvia, menta e origano. Alcune sono stagionali e vanno rinnovate di anno in anno, altre sono più resistenti e sono belle da vedere soprattutto in inverno quando tutto diventa grigrio mentre le piantine rimangono belle verdi. Nella nostra insalata ci mettiamo un bel po’ di menta.

Insalata d’orzo, zucchine, pomodori secchi e pistacchi

Ed ora che abbiamo tutti gli ingredienti possiamo preparare la nostra insalata: all’orzo ormai tiepido uniamo le zucchine grigliate, i pomodori secchi tagliati a pezzi non troppo piccoli, i pistacchi sgusciati e sminuzzati e la menta spezzettata a mano (se #fratellocuoco ti becca a tagliuzzare le erbe aromatiche con il coltello partirà con il classico sproloquio sull’ossidazione causata dal vil metallo e blablabla). Olio extravergine d’oliva, ma questo lo diamo come dato ormai acquisito, una bella mescolata e una ventina di minuti di riposo per far sì che i sapori si fondano un po’. Buon appetito e ci sentiamo per il prossimo genetliaco.

 

humus natura di chef presentazione

In questi giorni diverse declinazioni del numero tre (ammesso che i numeri si possano declinare…) richiamano in continuazione la mia attenzione. Sarà un caso?

Il nuovo trio della musica italiana: Fabi, Silvestri, Gazzè

In musica, il trio composto da Niccolò Fabi, Daniele Silvestri e Max Gazzè mi ha accompagnato in chiusura d’anno con due concerti. Uno a Napoli e l’altro in metro a Roma, improvvisato e ancor più gradito del primo. A inizio anno li ho visti non più dal vivo ma in video su rai3 (rieccolo!) protagonisti del bel documentario LocalEuropa – Musica valida per l’espatrio con le riprese della tournée europea de Il padrone della festa e le testimonianze degli italiani all’estero incontrati dai tre musicisti durante il tour, molti dei quali ovviamente ex Erasmus (quando si dice “corsi e ricorsi storici”…).

La trilogia “I nostri antenati” di Italo Calvino

In prosa, mi è capitato tra le mani dopo anni Il visconte dimezzato, prima parte della trilogia I nostri antenati di Calvino con Il cavaliere inesistente e Il barone rampante. Il visconte protagonista del romanzo viene diviso a metà da una palla di cannone durante una battaglia. Il visconte dimezzato rappresenta il bene e il male che c’è in ognuno di noi, l’incompletezza dell’uomo che realizza una parte di sè e non l’altra.

Il ricomincio da tre di Troisi

In poesia, perché se si tratta di Troisi mi pare questo il termine più adatto, mi è tornato in mente Ricomincio da tre in occasione dell’uscita nelle sale dell’ultimo film di Siani, credo per compensazione (con tutto l’affetto – che pure abbiamo – per Siani) o per la motivazione inoppugnabile che dovrebbe guidare la scelta del nome di qualsiasi nascituro e non solo del famoso Ugo/Massimiliano.

I tre di Humus – Natura di Chef in cucina

Ed è sulla scia di questa continua attualizzazione della trinità che presento l’ultimo progetto di cui faccio parte Humus – Natura di Chef. Anche qui siamo debitori del numero tre in più di un senso. Dapprima perché siamo in tre: c’è mio fratello Fiore, cuoco provetto. Francesca super-esperta di cosmesi naturale e non solo. E, infine, ci sono io con le mie solite passioni culinarie. Poi perché tre sono le direzioni in cui ci muoviamo: educazione alimentare, sostenibilità e recupero del territorio con le sue tradizioni. E tre sono i luoghi fisici dove si può materialmente partecipare alle attività di Humus: la sede di Cava de’ Tirreni, a pochi chilometri dalla Costiera amalfitana con la scuola di cucina e lo spazio sociale; l’orto-laboratorio in campagna, sempre a Cava e Roma, dove faccio base in questo periodo (anche se non mancano incursioni/escursioni nel resto della penisola).

humus natura di chef

Un pensiero uno e trino

Tutto questo rimuginare sul “3” mi pare un esercizio utile per riflettere, partendo dai tre esempi sopra citati, sulla scelta dei compagni di viaggio, sulle opportunità di moltiplicare punti di vista e riflessioni, sulla necessità di armonizzare timbri diversi e sui vantaggi insiti nel condividere le responsabilità dell’età adulta senza perdere in meraviglia e divertimento.

Nel menu’ di quest’anno per la Vigilia e per Natale c’è lo zampino (o zampone, considerando il periodo) del fratellino fresco di studi in una cucina a tre stelle Michelin. Dopo aver sperimentato a Spazio, il ristorante – laboratorio palestra dei giovani chef allievi della scuola di Niko Romito, a casa si continuano a provare piatti, a innovare ricette della tradizione e ad allungare tavoli per accogliere il sempre più consistente numero di commensali (a Natale eravamo in diciassette!). Questo il menu della Vigilia, ovviamente il mio preferito considerato che ormai sono quasi vegetariana.

Menu di pesce e vegetariano per la Vigilia

Antipasti: Sandwich spinaci pistacchi e miele di carota, hamburger gamberi e arancio, finocchi al lampone e cavolo verza carpionato.

Primo piatto: Spaghetti e vongole alla lavanda.

Secondo piatto: Crema di baccalà e insalata di rinforzo.

Dolce: Crema finocchietto e mandarino con sfoglia al cioccolato fondente.

antipasto menu vigilia pesce antipasto menu vigilia antipasto menu vigilia

antipasto menu vigilia pesce e vegetariano antipasto menu vigilia pesce e vegetariano

antipasto menu vigilia pesce dolce antipasto menu vigilia dolce

A Natale, invece, ci siamo affidati al babbo per stilare il menu che, dato l’alto numero di portate, ha richiesto la partecipazione della famiglia al gran completo per preparate tutti i piatti. La sottoscritta, auto-nominatasi aiutante cuoca e fotografa ufficiale del lauto pasto, arrivata ai formaggi, ha svestito i panni di entrambe le professioni per godersi il gran finale da semplice buongustaia.

Menu quasi classico per Natale

Antipasti: mozzarella di Vannulo, affettati, pizza di scarola, broccoli gratinati, parmigiana di melanzane.

Primi piatti: ravioli ripieni con coscia d’agnello e ravioli ripieni di carciofi e limone con burro e salvia.

Secondi: arista di maiale con patate “arrecanate”, formaggi stagionati e freschi di bufala con miele, marmellata di fichi bianchi, olio al pistacchio, olio al peperoncino e insalata mista.

Dolci: panettone artigianale con gelato, panna e salsa calda di cioccolato; mustaccioli e rococò.

menu natale ravioli menu natale arista menu natale pizza scarole menu natale broccoli