Da qualche settimana sono tornata ad occuparmi attivamente dell’Erasmus, unendo una vecchia idea (quella di creare un sito per raccogliere le testimonianze degli ex Erasmus) a un progetto di PlanetErasmus.
Tra pochi giorni dettaglierò a fondo, stiamo definendo le ultime cose.
Mentre scartabellavo tra gli appunti della tesi, vecchie interviste e volumi di antropologia impolverati mi sono tornate in mente (come dice Alex Britti) alcune osservazioni fatte all’epoca – 2005 – che oggi, legate ai fatti delle ultime settimane, acquistano un valore ‘particolare’.

A proposito della percezione di sè e del proprio Paese d’origine annotavo la comprensibile apprensione di mia madre che per tutta la durata dell’Erasmus ha continuato a chiedermi se ad Alicante vendessero fragole, broccoli e arance. Alla mia risposta affermativa ribatteva: ‘Eh, ma non sono come da noi!’
Senz’altro si trattava di frutta e verdura ‘diversa’, buona uguale però.

Adesso chi lo dice agli alicantini e al resto del mondo che la produzione agricola campana è seriamente minacciata dall’incapacità di raccogliere e smaltire i rifiuti?
Anche la spazzatura riflette e comunica un’idea di civiltà, o la sua assoluta mancanza (‘basura es cultura’ direbbero in terra iberica).
Mi toccherà cambiare fruttivendolo?

Torniamo, almeno virtualmente, in terra iberica segnalando il sito web di una televisione: la ‘cuatro‘.
Ebbene sì, la tv esiste – e resiste – ancora, almeno in Spagna.

La cuatro nasce nel 2005 dalla riconversione delle frequenze criptate di Canal+, trasmette in chiaro e deve la sua fama (e il crescente share) alla trasmissione dei mondiali di calcio 2006. Oltre ai serial americani (House, Streghe, Friends, Alias, Grey’s Anatomy…), cartoni animati, film e telegiornali, produce e manda in onda documentari e inchieste giornalistiche che rai3 – Report a parte – si sogna.

Come dice Fassino-Marcorè: “Stato civile?”, “La Spagna”.

Tutta la parte grafica è molto semplice, ben curata e veramente efficace: rosso su fondo bianco, olè!

++ cuatro.com ++
++ cuatro su wikipedia ++

cuatro